IL RIONE OLMO BASSO VINCE LA GIOSTRA DEI RIONI

Va al Rione di Olmo Basso la prima edizione della Giostra dei Rioni di Olmo grazie ai cavalieri Marco Cherici, che ha corso in sella a Lupo, e Piergiovanni Capacci su Champion che hanno totalizzato nove punti per la gioia del capitano Arianna Baldini e dei rionali bianco azzurri.

Una giornata intensa quella che ha animato la frazione alle porte di Arezzo per questa riproposizione di una competizione equestre con il coinvolgimento dei quattro Rioni (Olmo basso, Olmo alto, La Ripa e Sant’Anastasio) che, idealmente, si riallacciava al Palio che si è corso negli anni ’80.
La formula ideata per questa edizione ha invece visto i cavalieri cimentarsi con lancia ed anelli in una gara denominata Golden specieal poichè disputata sotto l’egida della Fitetrec – ante.

1 - Giostra esoridenti - il vincitore
Il programma si è aperto la mattina con una dimostrazione ludica che ha visto prevalere Niccolò Parnetti su Diana (sempre del Rione Olmo Basso che dunque può festeggiare il “cappotto”) che otteneva, nelle due tornate corse, il massimo dei punti centrando tutti gli anelli. A seguire Erika Cherci (Olmo alto) su Lupo, Chiara Cavarra (La Ripa) su Tony e Gianni del Grasso (Sant’Anastasio) su Dorilla.
La sera poi il corteo storico animato dal Gruppo Musici della Giostra del Saracino e che ha visto sfilare 92 figuranti di Olmo con costumi inspirati al ‘900 con alcuni quadri a rappresentare la vita di tale periodo: la scuola, i mugnai, i frati , il mercato, le lavandaie i contadini.

6 - miglior figurante 5 - miglior quadro I frati
Un apposita giuria, composta da Teresa Quadraccia di Amelia, Giorgio Ciofini e Vittorio Beoni di Arezzo, ha decretato miglior figurante Asia Secco (una delle bambine del gruppo della scuola) e, come miglior scena il gruppo dei frati di Sargiano con suora.
Si è poi passati alla gara equestre con la chiamata in campo degli otto binomi, oltre a Cherici e Capacci, anche Andrea Vernaccini su Remedi, Francesco Marzoli su Ladi Narnia, Alessandro Ugolini su Toro, Lorenzo de Simone su Thebay, Crisitian Salvi su Moshin e Alessandro Moretti su Quito. Al termine delle tornate ordinarie tre cavalieri (Cherici, Ugolini e Salvi) chiudevano a pari merito con 5 punti e si è pertanto disputata una tornata di spareggio per stilare la singola classifica che ha visto la vittoria andare a Cristian Salvi abile nel centrare tutti e quattro gli anelli per l’unico ein plein della serata.

6- Salvi miglior cavaliere
La cerimonia di premiazione ha visto la partecipazione dell’attore Sergio Forconi e dell’On Marco Donati che hanno consegnato al capitano e ai due cavalieri l’Olmo d’Oro la pregevole opera realizzata dal maestro intagliatore Francesco Conti.

4 - premiazione